Articoli

Ha inventato l’applicazione per aiutare la nonna malata di Alzheimer

Ha solo 14 anni, Emma Yang, la ragazzina che ha stupito tutti, realizzando un’app per contrastare la nota malattia degenerativa, che affligge circa 130 milioni di persone nel mondo.


L’idea le è venuta per aiutare la nonna, a cui la patologia è stata diagnosticata due anni prima.

L’invenzione si chiama Timeless e permette ai soggetti colpiti da Alzheimer di ricordare persone e ricorrenze grazie all’intelligenza artificiale e al riconoscimento facciale.

Secondo uno studio effettuato, sarebbe infatti emerso che l’utilizzo della tecnologia e di immagini aiuterebbe i pazienti a rallentare il progresso della malattia e a stimolare la memoria.

Timeless consente inoltre a infermieri e familiari di mettersi in contatto e scambiarsi informazioni.

L’obiettivo futuro di Emma e del team con cui lavora, è quello di lanciare dei progetti per coinvolgere circa 50.000 utenti entro il 2020.

Se vuoi approfondire l’argomento e saperne di più sull’app inventata da Emma Yang clicca qui.

Attraverso l’app avrai sempre a portata di mano i tuoi consumi!

PocketWatt è il nome dell’app attraverso cui sarà possibile leggere le etichette energetiche digitali apposte sugli elettrodomestici.

In questo modo, si sarà in grado di acquistare prodotti che consumano meno, risparmiando sul valore delle bollette.

Tale applicazione è stata ideata nell’ambito del progetto DigiLabel, finanziato dal programma Horizon 2020 dell’Unione Europea che coinvolge 11 partner europei.

Per conoscere maggiori dettagli su PocketWatt, clicca qui e scopri di più.

Si chiama To Good To Go ed è un’app contro gli sprechi, creata in Danimarca e ora attiva anche nel nostro Paese.

Grazie a tale soluzione tecnologica, i negozi di ristorazione e i supermercati possono vendere il cibo rimasto invenduto, che non può essere riproposto il giorno successivo, ad un prezzo minore.

Gli utenti possono quindi effettuare l’acquisto di particolari Magic box, contenenti le pietanze avanzate, direttamente sull’app e recarsi al locale per ritirare il prodotto.

In tal modo, vengono evitati moltissimi sprechi e viene inoltre ridotta l’emissione di Co2.

Se vuoi scoprire maggiori dettagli sull’app To Good To Go, clicca qui.

Ugo è il l’ultima creazione della Mira Robotics, che ha pensato di ideare un robot per sistemare il bucato pulito e lavato.

Attraverso delle pinze, Ugo riesce a gestire fino a 1 kg e mezzo di peso, inoltre risulta dotato di telecamere, microfono, altoparlante, connettività Lte, WI-FI e di un’app.

La Mira Robotics punta comunque a migliorare ulteriormente le sue funzionalità, dando la possibilità agli utenti di comandarlo e manovrarlo a distanza tramite l’apposita applicazione.

La tecnologia sarà messa in vendita entro il 2020 e costerà tra i 180 e i 225 dollari al mese.

Se vuoi approfondire l’argomento relativo ad Ugo, clicca qui e scopri di più.

“Italian Healthcare World” è la  web app  creata su input del dott. Pierdanilo Sanna. La piattaforma riunisce tutti i medici italiani che lavorano negli Emirati Arabi, e presto sarà operativa anche con riferimento ad altri Stati.

La finalità di Italian Healthcare World è quella di diffondere la professionalità dei dottori italiani all’estero, offrendo anche ai cittadini che si trovano in un Paese straniero, la possibilità di entrare in contatto con una rete organizzata di specialisti italiani.

Oltre alla web app, è stato creato anche il magazine on-line “The Journal of Italian Healthcare World”, all’interno del quale è possibile leggere articoli sulla salute e sulla sanità e interviste agli stessi medici.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli clicca qui e scopri di più.

L’ultimo aggiornamento della nota applicazione di messaggistica Whatsapp, ha introdotto una nuova funzionalità, tesa a garantire maggiormente la privacy dei propri utenti.

Per attivare questo tipo di autenticazione, basta accedere alle impostazioni, selezionare la voce account e successivamente la sezione privacy.

Inoltre, è possibile impostare dopo quanto tempo dovrà essere richiesto lo sblocco tramite impronta o riconoscimento facciale.

Attualmente, questo tipo di funzione è stata rilasciata solo per iOS, mapresto sarà disponibile anche per Android.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sull’ultima novità di Whatsapp, clicca qui e scopri di più.

Huawei ha creato un’app per permettere anche ai bambini non udenti di imparare a leggere.

Si chiama StorySign e utilizza l’intelligenza artificiale per tradurre le storie dedicate ai più piccoli nella lingua dei segni.

L’applicazione in particolare, si avvale di un avatar per raccontare le favole, creato dalla Aardman Animations, tramite una tecnologia di motion capture, pensata per permettere una riproduzione dei gesti assolutamente verosimile.

StorySign può essere scaricata da Google play o dalla libreria di Huawei e funziona selezionando una storia dalla libreria e inquadrando il libro tramite il cellulare.

Per conoscere maggiori dettagli e saperne di più clicca qui.

Si chiama Youpol ed è l‘app creata per consentire ad ogni cittadino di supportare e fornire un aiuto alle attività delle forze dell’ordine .

Attraverso tale piattaforma, infatti è possibile inviare segnalazioni in forma del tutto anonima,  in riferimento a  casi di bullismo o a spaccio di droghe, consentendo inoltre di allegare foto, link  e audio, che possono risultare utili a completare la denuncia appena trasmessa.

Non solo, tra le funzioni implementate è prevista anche quella delle chiamate di emergenza, mentre alle forze dell’ordine è data la possibilità di  individuare il luogo esatto da cui viene inviato il messaggio, per poter intervenire tempestivamente in caso di urgenza.

Per sapere maggiori dettagli su youpol clicca qui. 

Salute 4.0: curarsi nell’era digitale, generazioni a confronto”: è il titolo della ricerca che la BNP Paribas Cardif ha deciso di condurre, avvalendosi del centro di ricerca Eumetra MR.

Oggi, medici e specialisti possono contare sulla presenza di importanti tecnologie, che possono supportarli durante le fasi di diagnosi e trattamento delle patologie.

L’intelligenza artificiale, in particolare è in grado di fornire un aiuto fondamentale nella scoperta dei tumori, individuando in pochissimo tempo la presenza di noduli maligni.

Non solo, anche i robot sono in grado di semplificare il lavoro dei chirurghi, effettuando alcune operazioni con la massima precisione.

E’ inoltre interessante, conoscere i servizi tecnologici che secondo quanto rilevato dalla ricerca, gli italiani utilizzerebbero di più sotto forma di app:  la cartella clinica elettronica e la rete di medici specialisti a disposizione in caso di necessità., le applicazioni per monitorare il proprio stato di salute, gli sconti per le cure attraverso una rete di medici specialisti o dentisti convenzionati.

Se vuoi conoscere ulteriori dettagli sulla salute 4.0 clicca qui e scopri di più.

 

 

 

All’interno della piattaforma Eppela è partita la sfida per finanziare quattro progetti dedicati al mondo degli animali. Qualora la somma necessaria dovesse essere raggiunta, il portale di crowfunding regalerà un buono utilizzabile in una celebre catena Pet store, pari al 10 per cento del finanziamento ottenuto.

Il primo dei progetti che sono stati scelti è rappresentato da un sito web chiamato Let’s pet, ideato da tre amanti degli amici a quattro zampe di Cuneo, che ha l’obiettivo di trovare una casa ai cuccioli senza dimora e che punta a raccogliere la cifra di 5 mila euro.

Il secondo consiste in un’app per smartphone e tablet denominata Dipty che serve per cercare e trovare gli animali smarriti, attraverso la pubblicazione di foto e appelli all’interno di una grande rete di ricerca. A crearla sono stati due ragazzi, uno di Milano e l’altro di Roma, che necessitano di 3250 euro per sviluppare e promuovere tale strumento.

Gli ultimi due invece prevedono: la ristrutturazione di un gattile educativo proposta dalla Onlus di Moncalvo, che mira a raccogliere 2000 euro; e una colletta online di 1000 euro per operare Nerone, un cane che si trova all’interno del rifugio dell’associazione Quintomondo Animalisti Volontari Onlus, in provincia di Roma, affetto da paralisi della laringe.

Se vuoi saperne di più clicca qui.