Ecco un excursus delle app per tradurre più efficaci in circolazione, secondo il Corriere della Sera.

Quali sono le migliori app per tradurre? Il Corriere della Sera ha realizzato un ricerca, provvedendo a testare le più celebri, attraverso la traduzione di un articolo del The Guardian.

Dal test è emerso che l’app giudicata migliore è la tedesca DeepL, perchè è in grado di fornire testi accurati e professionali.

Infatti, essa è capace di tradurre anche paragrafi lunghi ed elaborati, restituendo un risultato preciso e corretto.

Tra le altre app analizzate, quelle di Google e Microsoft presentano il vantaggio di rilevare direttamente la lingua da tradurre tramite la fotocamera dello smartphone o di ottenere la traduzione di una conversazione a voce.

In rete si trovano anche numerosi traduttori di proprietà di dizionari o case editrici, ma si è scoperto che essi operano servendosi dell’intelligenza artificiale di Google o Microsoft.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sull’argomento, clicca qui e scopri di più.

Mark Lambrecht, direttore di Global Health and LifeSciences Practice di SAS, spiega in un articolo come l’AI può essere utilizzata per contrastare la diffusione del coronavirus

Contrastare il coronavirus con l’AI può essere una soluzione efficace. A sostenerlo è Mark Lambrecht, direttore di Global Health and LifeSciences Practice di SAS.

Per farlo, occorre integrare l’intelligenza artificiale con specializzazioni epidemologiche e cliniche.

Uno dei modi per utilizzare le nuove tecnologie al servizio del sistema sanitario può essere quello di predisporre delle chatbot, per comprendere i sintomi dei possibili individui contagiati e esaminare così un numero consistente di persone, raggiungendo standard di qualità elevata.

Un ulteriore ambito in cui ci si può servire dell’AI per debellare la malattia, è quello che riguarda la creazione di farmaci e vaccini, in quanto così è possibile individuare dei legami che la mente umana potrebbe non rilevare.

Non solo, Ospedali ed Aeroporti possono applicare tecniche avanzate per svolgere analisi predittiva e capire così le stime dell’ emergenza, per prepararsi a gestirla al meglio.

Per raggiungere tutti questi obiettivi inoltre, è indispensabile una collaborazione tra esperti clinici, statistici e data scientist.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sull’argomento, clicca qui e scopri di più.

Oltre al celebre Chrome, esistono altri browser che possono essere utilizzati per varie esigenze

Chrome si caratterizza per essere il browser più diffuso tra gli utenti, com’è riportato da un report eseguito da parte di Net Marketshare, che spiega che a farne uso è il 67% degli individui. Firefox viene applicato invece solo dal 9% delle persone, mentre Safari dal 4%.

In alternativa, alcuni browser differenti che possono offrire diversi vantaggi sono Opera, Brave, Vivaldi e Mozzilla Firefox.

Opera in particolare, consente di ottenere una vpn gratuita e di navigare attraverso un IP diverso, per non far registrare i comportamenti tenuti sul web.

Brave ferma gli spot, gli script e ulteriori elementi che possono mettere in pericolo i i dati privati. Permette inoltre, di guadagnare criptovalute in base agli annunci che si visualizziano.

Vivaldi è il browser perfetto per navigare utilizzando profili diversi e per accedere ad Instagram tramite computer.

Mozzilla Firefox si dimostra ultra attento alla nostra privacy, permettendoci di visualizzare ogni elemento tracciante che ha bloccato e segnalandoci possibili violazioni di dati.

Se vuoi conoscere ulteriori dettagli su questo argomento, clicca qui e scopri di più.

Da gennaio gli esercizi commerciali devono emettere lo scontrino elettronico, ecco una serie di app utili per adempiere a tale obbligo

Da pochissimo è vigente l’obbligo per i titolari dei negozi di emettere lo scontrino elettronico.

Nello specifico, i soggetti interessati devono rispettare la prescrizione che impone il possesso di registratori di cassa telematici, in grado di predisporre il file richiesto e inviare i dati necessari all’ Agenzia delle Entrate. In alternativa, i commercianti possono anche dotarsi di app per smartphone o tablet, capaci di svolgere la medesima funzione.

Ecco di seguito un breve elenco di applicazioni nate per tale scopo:

  • FatturAE
  • Cassa fiscale con iPad
  • Cassa in cloud
  • Nexi Smartpos Cassa
  • QuiScontrino
  • Scloby
  • SiScontrino
  • Ticketapp Express

L’utilità di questo tipo di strumenti, risiede nella possibilità di integrare le informazioni registrate anche con altre applicazioni e sfruttarle per migliorare i processi aziendali.

Se vuoi conoscere ulteriori dettagli sulle app utili per lo scontrino elettronico, clicca qui e scopri di più.

Dishcovery è la startup che rende fruibile il menù agli stranieri , grazie alla scansione del QR Code

Dishcovery la startup che si occupa di traformare in QR code i menù di bar e ristoranti, è stata ideata dagli italiani Marco Simonini e Giuliano Vita.

Recentemente, la società ha ricevuto un finanziamento da parte dal fondo di ventur capital Primomiglio.

Le potenzialità della startup riguardano la possibilità di far comprendere i menu dei diversi ristoranti agli stranieri, sopratutto orientali, grazie alla traduzione che viene effettuata attraverso il QR code.

La scansione avviene direttamente attraverso la fotocamera dello smartphone, e non è perciò necessario utilizzare ulteriori applicazioni.

Il lettore inoltre, non si limiterà a visualizzare la mera trasposizione del menù nella propria lingua, ma avrà modo di vedere anche immagini, descrizioni delle pietanze e abbinamenti di vini.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli su Dishcovery, clicca qui e scopri di più!

Si chiama BagBnb ed è un’applicazione innovativa che ti offre un elenco dei posti dove puoi lasciare il tuo bagaglio, durante le ore prima della partenza.

BagBnb è un servizio attualmente attivo in circa 300 città in tutto il mondo.

Utilizzarlo è semplicissimo: occorre scaricare l‘applicazione sul proprio dispositivo ed effettuare la ricerca.

La soluzione restituirà una serie di risultati, che riporteranno un elenco di bar e negozi, dove sarà possibile custodire il proprio bagaglio in attesa della partenza, senza la necessità di portarlo con sè, in giro per la città.

Nata in qualità di startup, BagBnb ha ricevuto un importante finanziamento da parte dei fondi VV2 e VV4, che sono gestiti dalla società Vertis.

Il mercato relativo al deposito bagagli presenta infatti, delle ottime potenzialità e delle floride prospettive di guadagno: ben 5 miliardi di euro.

Per il futuro si prevedono l’ampliamento delle città in cui si potrà usufruire del servizio e l’offerta di altri prodotti, oltre alla custodia del bagaglio.

La volontà è quella di rendere BagBnb un punto di riferimento di rilievo per chi viaggia, con una gamma di servizi eccellenti e innovativi.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli, clicca qui e scopri di più!

Una serie di app che aiutano a controllare la propria alimentazione, per seguire una dieta bilanciata, direttamente dallo smartphone

La prima app indispensabile da scaricare sul proprio cellulare, utile per seguire una dieta, è senza dubbio Myfitnesspal.

L’app permette di scegliere se dimagrire, mantenersi o prendere peso, e dopo aver indicato una serie di parametri, fornisce il numero di calorie da assumere giornalmente.

MyCIA è l’applicazione perfetta per chi ha particolari esigenze, e vuole mantenerle anche quando mangia fuori casa.

La sua particolarità infatti, sta nel permettere di ricercare un piatto specifico e visualizzare i ristoranti che lo propongono.

Melarossa invece configura una dieta personalizzata, in base ai valori immessi, suggerendo anche consigli e ricette.

Infine Lifesum, rappresenta una sorta di diario alimentare virtuale, che conferisce all’utente un voto in base alla tipologia e alla quantità di cibo annotato.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sull’argomento, clicca qui e scopri di più.

Desideri un’app personalizzata e non sai da dove iniziare? Contattaci subito per ricevere tutte le informazioni che cerchi!

Consigli, tecniche e buone pratiche per creare una Newsletter di Natale che funzioni.

Le feste sono vicine e se non hai ancora pensato alla newsletter di Natale da inviare ai tuoi clienti, forse è arrivato il momento di farlo.

Perché è importante che tu lo faccia?

Te lo spieghiamo in questo articolo

Uno strumento come la Newsletter continua a rappresentare un’importantissima fonte di contatti e conversioni, nell’ormai ampio panorama del digital marketing.

Nonostante l’avvento dei social e di molteplici piattaforme, che consentono una comunicazione istantanea, le persone continuano ad utilizzare con costanza la posta elettronica.

Ti sei mai chiesto perchè?

Permettici di rivelarti quali sono i risultati che potrai ottenere con la redazione di una Newsletter a tema natalizio.

Anzi, come abbiamo scritto sopra, ti conviene affrettarti, le feste sono ormai alle porte e non devi assolutamente sprecare altro tempo.

All’interno di questo post troverai alcune informazioni molto utili, ma soprattutto avrai la possibilità di scaricare gratuitamente la guida che abbiamo realizzato, per aiutarti nella stesura della tua email.

Scrivere un messaggio che funzioni, strutturare in modo corretto la Newsletter, scegliere il layout giusto, trovare l’ispirazione per creare un format originale e in linea con i tuoi valori, può infatti essere complicato e laborioso.

Quante volte ti sei chiesto da dove partire? Quante sei rimasto perplesso davanti allo schermo, perché non riuscivi a trovare l’idea perfetta per comunicare con il tuo pubblico?

Scommettiamo che queste sono proprio alcune delle domande che ti sei fatto:

  • Cosa scrivo nell’oggetto della mia newsletter?
  • Come spingo i miei utenti a ad aprirla?
  • Come posso sorprendere i miei lettori?

La nostra guida gratuita nasce per risolvere tutti i tuoi dubbi, e per darti quei suggerimenti indispensabili che ti aiuteranno passo passo nella configurazione della tua mail.

Il messaggio di posta è un canale esclusivo, che ti permetterà di entrare in contatto con i tuoi clienti, per cui devi imparare a sfruttarlo al meglio.

Quello che conta è che tu dia loro dei contenuti speciali, che possano indurli a leggere ciò che vuoi comunicargli.

Possono essere semplici informazioni, consigli, codici sconto, auguri di Natale, comportamenti che ti permettano di far sentire l’utente coccolato o che gli procurino un’utilità.

Ciò contribuirà a rendere il vostro rapporto più solido e mettere le basi per una fidelizzazione, che potrà arrecarti risultati anche nel lungo periodo.

Inoltre, come ti spieghiamo in modo più approfondito anche all’interno della guida, devi ricordare che il design della tua Newsletter riveste un ruolo fondamentale.

Infatti, come afferma un vecchio proverbio “Anche l’occhio vuole la sua parte” e gli individui saranno portati a rivolgere una maggiore attenzione ad una struttura che li affascini e che sia “bella” da vedere.

Mandare newsletter non personalizzate ti farà solo perdere utenti, che si disiscriveranno dalla tua mailing list.

Non ti resta quindi che approfittare del periodo Natalizio, studiando un layout apposito, e utilizzando la mail per esempio per:

  • mostrare la tua selezione di prodotti
  • inserire un codice sconto per la promo di Natale
  • ricordare agli utenti entro quando ordinare per avere la consegna entro le feste
  • mandare ai tuoi clienti i tuoi auguri e aggiornarli sulle prossime novità

Quindi cosa aspetti? Affrettati a scrivere subito la tua Newsletter di Natale! Per farlo puoi utilizzare i consigli che trovi all’interno della nostra guida che puoi scaricare gratuitamente qui.

Non hai abbastanza tempo per ideare una mail da zero? Desideri una piattaforma ad hoc che ti garantisca anche il servizio completo di stesura e personalizzazione?

Nessun problema, ti proponiamo la nostra soluzione Mail2me, contattaci per saperne di più!

Si chiama Divinea ed è un portale su cui prenotare degustazioni ed eventi riservati al turismo enologico

Divinea è la piattaforma creata dagli ingegneri Matteo Ranghetti e Filippo Galanti, ideata per ricercare e partecipare ad eventi ed iniziative dove il vino è il vero protagonista.

Sono numerose le attività che è possibile prenotare, ben 350, come:

  • la vendemmia esperienziale,
  • il pic-nic in vigna,
  • il trekking
  • la vinoterapia.

L’idea dei dei due creatori di Divinea è anche quella di innovare il settore del turismo enologico, collaborando con un numero sempre maggiore di cantine, che in tal modo ottengono una visibilità rilevante.

Essere presenti online, rappresenta un’occasione da sfruttare per queste realtà, e partecipare in tal modo alla crescita potenziale del settore.

E per il futuro? I prossimi obiettivi di Ranghetti e Galanti, riguardanol’applicazione del portale anche al settore gastronomico e al turismo enologico straniero.

Se desideri conoscere maggiori dettagli su Divinea, clicca qui e scopri di più.

Vuoi creare anche tu la tua piattaforma? Contattaci subito per ricevere un preventivo!

Nel Report Connected Shoppers, Salesforce racconta com’è cambiato lo shopping per gli utenti, online e offline

Salesforce ha realizzato un report sull’evoluzione dei comportamenti dei consumatori, in rete e non.

E’ interessante notare come gli acquisti compiuti per via telematica siano sempre più in aumento, 1 su 10 infatti, viene eseguito sul web. Non è un caso infatti, che gli utenti posseggano sul proprio dispositivo mobile, almeno 3 app dedicate allo shopping.

La crescita del digitale non sembra arrestarsi e anzi sarà protagonista dei prossimi regali di natale.

Le statistiche, in particolare, affermano che il 90% degli italiani realizzerà i propri doni per mezzo di retailer, brand e marketplace online. E il 20% si servirà per le proprie idee, di uno dei social network più utilizzati del momento: Instagram.

Ecco perchè, oggi più che mai, risulta fondamentale gestire al meglio la propria pagina Ig e possedere un sito e-commerce.

Vuoi ricevere informazioni su come creare il tuo e-commerce o come gestire i tuoi social? Contattaci subito compilando il nostro form!

 Sempre all’interno del report, si legge che circa il 34% dei consumatori compra servendosi di un wallet digitale, il 12% utilizza i canali social e il 7% delle app di messaggistica.

Se vuoi avere maggiori dettagli sulla ricerca condotta da Salesforce, clicca qui e scopri di più.