Articoli

Esistono una serie di applicazioni per organizzare i compiti di lavoro direttamente da mobile

Per gestire agevolmente i flussi di lavoro, sono disponibili diverse app. Eccone alcuni esempi:

  • Work app è un’applicazione che consente di visualizzare i compiti assegnati agli utenti e che invia un messaggio, ogni volta che si termina o si aggiunge, una nuova mansione da svolgere.
  • Con MyNet i dipendenti hanno la possibilità di domandare permessi e fissare riunioni.
  • Panless si serve dell’intelligenza artificiale per scegliere i lavoratori più adatti ad eseguire un determinato compito.
  • Slack suddivide le chat in base ad argomenti e progetti specifici.
  • Regus permette di prenotare sale riunioni e spazi di lavoro in generale.

Se vuoi avere maggiori dettagli sull’argomento clicca qui e scopri di più.

Questa lista non va bene per te? Desideri un’app personalizzata per le tue esigenze?

Contattaci, ti forniremo tutte le informazioni di cui hai bisogno!

WeWalk è lo strumento innovativo che si appone al bastone da passeggio e che fornisce informazioni importanti ai non vedenti

Con WeWalk i non vedenti hanno oggi a disposizione un valido aiuto, per orientarsi e conoscere informazioni importanti.

Ideato da un ingegnere turco ipovedente di nome Kursat Ceylan, il dispositivo può essere posizionato sul bastone da passeggio ed è in grado di segnalare la presenza di ostacoli o di negozi e luoghi, che possono essere utili per chi lo utilizza.

Esso risulta inoltre compatibile con Google Maps e con gli assistenti vocali, e permette di accedere alle app che si hanno all’interno del proprio smartphone.

WeWalk può essere ricaricato tramite USB e ha un’autonomia di circa 5 ore.

Si tratta di un’invenzione molto importante, che può fortemente migliorare la vita di chi ha una disabilità visiva.

Se vuoi avere maggiori informazioni su questo argomento, clicca qui e scopri di più!

Conoscere come il proprio volto viene classificato dai sistemi dell’intelligenza artificiale rappresenta una curiosità di molti, per questo è stato realizzato un tool ad hoc.

Un tool molto particolare, che consente di sapere come la propria immagine viene interpretata dai sistemi dell’intelligenza artificiale, è ora accessibile sul sito di ImageNet Roulette.

A creare questo strumento innovativo, è stato il programmatore Leif Ryge .

Ciò che colpisce, consiste nel notare alcuni meccanismi privi di logica, che assegnano i volti delle persone ritratte nelle fotografie, a categorie che non presentano alcun collegamento con l’immagine.

Si vuole porre l’attenzione proprio su questo aspetto dello strumento, che può cadere facilmente in errore o basarsi su pregiudizi inesistenti.

Inoltre, il tool è in esposizione alla mostra Training Humans che si tiene alla Fondazione Prada di Milano.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sull’argomento, clicca qui e scopri di più.

La celebre app di Huawei, Storysign, che permette ai bambini sordi di leggere le favole, adesso è disponibile anche per iOS

Storysign è un’app che traduce le favole per i bambini non udenti nel linguaggio dei segni, grazie ad un avatar virtuale.

Creata da Huawei, da poco è disponibile anche per iOS, insieme a due nuovi libri. La finalità è quella di aiutare i piccoli utenti, colpiti da sordità, ad imparare a leggere, viste le difficoltà dovute alla disabilità uditiva.

Per la lingua dei segni italiana, sono cinque i titoli presenti nella libreria dell’applicativo:

  • Questo (non) è un leone di Ed Vere,
  • Tre Piccoli Coniglietti di Beatrix Potter,
  • Il Tuo amico Spotty di Eric Hill,
  • Che Sorpresa Spotty! Di Eric Hill
  • Buon Compleanno! Di Beatrix Potter.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sull’argomento, clicca qui e scopri di più.

Silver 2 è il nome del granchio robot, ideato dall’Istituto di biorobotica della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa, che ha la finalità di pulire i fondali del mare.

Il robot presenta diverse caratteristiche degne di nota: può raggiungere i 200 metri di profondità, è in grado di circolare all’interno dell’ambiente marino servendosi delle sue sei zampe, e risulta provvisto di due telecamere.

Inoltre, è in grado di fornire informazioni importanti come per esempio la rilevazione di microplastiche.

Si tratta di dati che trasmette via wireless agli studiosi, che provvedono poi a studiarli dettagliatamente in laboratorio.

Tale tipo di plastiche, sono sicuramente meno visibili, ma ugualmente inquinanti e Silver 2 permette di prelevarle e farle analizzare successivamente.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sul granchio robot, clicca qui e scopri di più.

Le lavatrici Hoover Axi sono in grado di effettuare l’ordine del detersivo su Amazon, quando sta per terminare

Non sarà più un problema ricordarsi di acquistare il detersivo: le lavatrici Hoover Axi infatti, hanno la funzionalità di ordinarlo direttamente su Amazon, tramite l’ausilio dell’app e il servizio Amazon Dash Replenishment.

Infatti, tali elettrodomestici sono in grado di calcolare le quantità esatte necessarie per i lavaggi e di conseguenza, prevedere quando sia necessario optare per il nuovo ordine.

Sono lavatrici intelligenti, che hanno già una serie di funzioni all’avanguardia: possono essere controllate tramite comandi vocali, memorizzano i tipi di lavaggi utilizzati con maggiore frequenza, effettuano le previsioni climatiche per calcolare i tempi di asciugatura del bucato.

Se vuoi conoscere maggiori informazioni sull’argomento, clicca qui e scopri di più.

Tale Dipartimento si occuperà di stabilire una strategia unitaria per rendere la nazione moderna e innovativa

Il Dipartimento per la trasformazione digitale, istituito lo scorso 27 agosto, avrà lo scopo di mettere insieme una strategia per raggiungere la trasformazione digitale e l’innovazione.

Tra i suoi numerosi compiti, vi sono quelli relativi all’attuazione delle direttive del presidente, al coordinamento tra amministrazioni dello stato e i programmi stabiliti e alla vigilanza sulla società pubblica PagoPa.

Il Dipartimento sarà pienamente operativo il prossimo 2020 e sembrerebbe destinato a permanere nel tempo, a prescindere dai prossimi governi.

La struttura è stata realizzata per raccogliere le sfide promosse dal team per la trasformazione digitale che aveva a capo Diego Piacentini.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli su questo argomento, clicca qui e scopri di più.

Si tratta di un braccialetto che permette di parlare al telefono senza cuffie, altoparlante e display

Il dispositivo Get è stato creato dalla startup italiana Deed.

La società ha fatto il suo ingresso anche nel mercato internazionale, grazie alla campagna di crowdfunding avviata sulla piattaforma Kickstarter.

Get è uno strumento multifunzione, che permette non soltanto di rispondere al telefono, ma anche di segnare tutti i progressi relativi all’attività fisica, controllare il proprio sonno e realizzare pagamenti.

Il prezzo di vendita inoltre, è pari a 190 dollari.

Ma come è possibile ascoltare il suono grazie ad un semplice braccialetto? Il meccanismo sfruttato è quello della conduzione ossea che permette il passaggio del suono, semplicemente appoggiando l’indice all’orecchio.

Se vuoi approfondire l’argomento, clicca qui e scopri di più.

I metodi utilizzati dalle aziende per essere sicure che sia tu ad entrare con il tuo account non si limitano alla password, ma esiste uno studio della biometria comportamentale

Oltre ai classici dati di accesso, le società hanno una tecnica che mira ad accertare sia proprio tu, ad accedere ai loro servizi online, registrando e studiando i tuoi comportamenti abituali.

Per sopperire alla debolezza delle password, in grado di essere sottratte o violate, sono attivati anche questi ulteriori protocolli, che mirano a ricordare i movimenti ed i passaggi effettuati.

In particolare, oltre a rilevare l’accesso da dispositivi o luoghi non abituali e non utilizzati di solito, ad essere attenzionati sono i movimenti del mouse e quelli sullo smartphone.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli su questo argomento, clicca qui e scopri di più.

Anche i siti protetti dal certificato Tls sembrerebbero non essere al sicuro dagli attacchi di phishing, per questo l’FBI ha pubblicato un manuale di istruzioni

L’FBI mette in guardia gli utenti dai tentativi di phishing attivati su pagine che sono protette dal certificato Tls, e che per tale motivo, potrebbero trarre in inganno chi ci naviga.

Sarebbero circa 82, i siti che usano questo escamotage e che sono stati scoperti da Malaware Hunter.

Tra i consigli forniti dall’FBI c’è innanzitutto quello di non fidarsi a navigare su un portale, solo perchè si è accertata la presenza dell’icona del lucchetto di sicurezza accanto all’indirizzo web, o perchè risulta esserci il protocollo https.

Vedendo infatti che il sito è provvisto di tali elementi, coloro che lo utilizzano, potrebbero essere tratti in inganno ed essere convinti di consultare un portale sicuro e privo di rischi.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli su questo argomento, clicca qui e scopri di più.