Silver 2 è il nome del granchio robot, ideato dall’Istituto di biorobotica della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa, che ha la finalità di pulire i fondali del mare.

Il robot presenta diverse caratteristiche degne di nota: può raggiungere i 200 metri di profondità, è in grado di circolare all’interno dell’ambiente marino servendosi delle sue sei zampe, e risulta provvisto di due telecamere.

Inoltre, è in grado di fornire informazioni importanti come per esempio la rilevazione di microplastiche.

Si tratta di dati che trasmette via wireless agli studiosi, che provvedono poi a studiarli dettagliatamente in laboratorio.

Tale tipo di plastiche, sono sicuramente meno visibili, ma ugualmente inquinanti e Silver 2 permette di prelevarle e farle analizzare successivamente.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sul granchio robot, clicca qui e scopri di più.

Le lavatrici Hoover Axi sono in grado di effettuare l’ordine del detersivo su Amazon, quando sta per terminare

Non sarà più un problema ricordarsi di acquistare il detersivo: le lavatrici Hoover Axi infatti, hanno la funzionalità di ordinarlo direttamente su Amazon, tramite l’ausilio dell’app e il servizio Amazon Dash Replenishment.

Infatti, tali elettrodomestici sono in grado di calcolare le quantità esatte necessarie per i lavaggi e di conseguenza, prevedere quando sia necessario optare per il nuovo ordine.

Sono lavatrici intelligenti, che hanno già una serie di funzioni all’avanguardia: possono essere controllate tramite comandi vocali, memorizzano i tipi di lavaggi utilizzati con maggiore frequenza, effettuano le previsioni climatiche per calcolare i tempi di asciugatura del bucato.

Se vuoi conoscere maggiori informazioni sull’argomento, clicca qui e scopri di più.

Apple interviene sulla questione delle conversazioni registrate e spiega come procederà in futuro

Alcuni dei dialoghi che avvenivano tra Siri e gli utenti, venivano ascoltati da Apple per consentire un costante miglioramento dell’assistente vocale.

Solo una piccolissima percentuale, ovvero lo 0,2% degli audio, veniva intercettata dagli operatori.

La società è voluta intervenire sulla questione, scusandosi per non aver chiarito correttamente tale procedimento e precisando che a partire dal prossimo autunno, questo meccanismo continuerà ad essere operativo, ma soltanto per quanto riguarda gli utenti che decideranno esplicitamente di sottoporvisi.

Inoltre, i file erano e continueranno ad essere contraddistinti da identificatori alfanumerici, garantendo così la privacy dei proprietari dei dispositivi.

Se vuoi approfondire l’argomento che riguarda Apple, clicca qui e scopri di più.

Kaspersky denuncia CamScanner la celebre app per creare pdf e avvisa gli utenti sulla sua pericolosità

CamScanner, l’applicazione mobile utile per trasformare i file in pdf, sembrerebbe essere fonte di malware.

La notizia è stata fornita da Kaspersky, nota società che si occupa di sicurezza informatica, ed il consiglio è quello di procedere immediatamente alla sua disinstallazione e ad effettuare una scansione del cellulare tramite un antivirus.

All’interno, come annunciato sia dagli utenti che dalla società di sicurezza, è stato rilevato il modulo Trojan-Dropper.AndroidOs.Necro.n  che consente l’avvio di una serie di pubblicità e abbonamenti non richiesti.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sull’argomento riguardante CamScanner, clicca qui e scopri di più.

Tale Dipartimento si occuperà di stabilire una strategia unitaria per rendere la nazione moderna e innovativa

Il Dipartimento per la trasformazione digitale, istituito lo scorso 27 agosto, avrà lo scopo di mettere insieme una strategia per raggiungere la trasformazione digitale e l’innovazione.

Tra i suoi numerosi compiti, vi sono quelli relativi all’attuazione delle direttive del presidente, al coordinamento tra amministrazioni dello stato e i programmi stabiliti e alla vigilanza sulla società pubblica PagoPa.

Il Dipartimento sarà pienamente operativo il prossimo 2020 e sembrerebbe destinato a permanere nel tempo, a prescindere dai prossimi governi.

La struttura è stata realizzata per raccogliere le sfide promosse dal team per la trasformazione digitale che aveva a capo Diego Piacentini.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli su questo argomento, clicca qui e scopri di più.

Si tratta di un braccialetto che permette di parlare al telefono senza cuffie, altoparlante e display

Il dispositivo Get è stato creato dalla startup italiana Deed.

La società ha fatto il suo ingresso anche nel mercato internazionale, grazie alla campagna di crowdfunding avviata sulla piattaforma Kickstarter.

Get è uno strumento multifunzione, che permette non soltanto di rispondere al telefono, ma anche di segnare tutti i progressi relativi all’attività fisica, controllare il proprio sonno e realizzare pagamenti.

Il prezzo di vendita inoltre, è pari a 190 dollari.

Ma come è possibile ascoltare il suono grazie ad un semplice braccialetto? Il meccanismo sfruttato è quello della conduzione ossea che permette il passaggio del suono, semplicemente appoggiando l’indice all’orecchio.

Se vuoi approfondire l’argomento, clicca qui e scopri di più.

I metodi utilizzati dalle aziende per essere sicure che sia tu ad entrare con il tuo account non si limitano alla password, ma esiste uno studio della biometria comportamentale

Oltre ai classici dati di accesso, le società hanno una tecnica che mira ad accertare sia proprio tu, ad accedere ai loro servizi online, registrando e studiando i tuoi comportamenti abituali.

Per sopperire alla debolezza delle password, in grado di essere sottratte o violate, sono attivati anche questi ulteriori protocolli, che mirano a ricordare i movimenti ed i passaggi effettuati.

In particolare, oltre a rilevare l’accesso da dispositivi o luoghi non abituali e non utilizzati di solito, ad essere attenzionati sono i movimenti del mouse e quelli sullo smartphone.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli su questo argomento, clicca qui e scopri di più.

Anche i siti protetti dal certificato Tls sembrerebbero non essere al sicuro dagli attacchi di phishing, per questo l’FBI ha pubblicato un manuale di istruzioni

L’FBI mette in guardia gli utenti dai tentativi di phishing attivati su pagine che sono protette dal certificato Tls, e che per tale motivo, potrebbero trarre in inganno chi ci naviga.

Sarebbero circa 82, i siti che usano questo escamotage e che sono stati scoperti da Malaware Hunter.

Tra i consigli forniti dall’FBI c’è innanzitutto quello di non fidarsi a navigare su un portale, solo perchè si è accertata la presenza dell’icona del lucchetto di sicurezza accanto all’indirizzo web, o perchè risulta esserci il protocollo https.

Vedendo infatti che il sito è provvisto di tali elementi, coloro che lo utilizzano, potrebbero essere tratti in inganno ed essere convinti di consultare un portale sicuro e privo di rischi.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli su questo argomento, clicca qui e scopri di più.

Il protocollo verrà rilasciato da Google e riguarderà i messaggi multimediali

Rich Communication Service è il nome del nuovo protocollo di messaggistica, che prenderà il posto dei vecchi sms.

Il nuovo servizio, sarà messo a disposizione da Google per i possessori di smartphone Android di Inghilterra e Francia, in via di test.

Proprio i possessori di Android in generale, saranno quelli che dovranno attendere meno tempo per l’implementazione che riguarderà tutte le nazioni, la cui data di avvio resta ancora un’incognita.

La particolarità del protocollo risiede possibilità di utlizzo di particolari messaggi multimediali, che costituiranno un ibrido tra gli sms e gli mms.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli, clicca qui e scopri di più.

Google potrebbe avere accesso agli acquisti on-line effettuati dagli utenti che hanno una casella Gmail

La privacy dei proprietari di account Gmail, sembrerebbe essere messa a rischio dal fatto che Google salva in un’unica lista, gli acquisti fatti su altre piattaforme, le cui ricevute sono inviate alla casella di posta elettronica.

Questa situazione andrebbe avanti dal 2012, e inoltre, non risulta consentito eliminare con un’unica mossa tutti i dati, ma al contrario per cancellare i dettagli, bisogna procedere singolarmente, rimuovendo gli elementi uno per uno.

Dal canto suo, Google è intervenuta sulla questione, spiegando che le finalità di una funzionalità simile, sono state pensate unicamente per permettere all’utente di avere una panoramica generale delle proprie transazioni e che non si è mai fatto un uso pubblicitario delle informazioni possedute.