Articoli

Ecco un excursus delle app per tradurre più efficaci in circolazione, secondo il Corriere della Sera.

Quali sono le migliori app per tradurre? Il Corriere della Sera ha realizzato un ricerca, provvedendo a testare le più celebri, attraverso la traduzione di un articolo del The Guardian.

Dal test è emerso che l’app giudicata migliore è la tedesca DeepL, perchè è in grado di fornire testi accurati e professionali.

Infatti, essa è capace di tradurre anche paragrafi lunghi ed elaborati, restituendo un risultato preciso e corretto.

Tra le altre app analizzate, quelle di Google e Microsoft presentano il vantaggio di rilevare direttamente la lingua da tradurre tramite la fotocamera dello smartphone o di ottenere la traduzione di una conversazione a voce.

In rete si trovano anche numerosi traduttori di proprietà di dizionari o case editrici, ma si è scoperto che essi operano servendosi dell’intelligenza artificiale di Google o Microsoft.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sull’argomento, clicca qui e scopri di più.

Oltre al celebre Chrome, esistono altri browser che possono essere utilizzati per varie esigenze

Chrome si caratterizza per essere il browser più diffuso tra gli utenti, com’è riportato da un report eseguito da parte di Net Marketshare, che spiega che a farne uso è il 67% degli individui. Firefox viene applicato invece solo dal 9% delle persone, mentre Safari dal 4%.

In alternativa, alcuni browser differenti che possono offrire diversi vantaggi sono Opera, Brave, Vivaldi e Mozzilla Firefox.

Opera in particolare, consente di ottenere una vpn gratuita e di navigare attraverso un IP diverso, per non far registrare i comportamenti tenuti sul web.

Brave ferma gli spot, gli script e ulteriori elementi che possono mettere in pericolo i i dati privati. Permette inoltre, di guadagnare criptovalute in base agli annunci che si visualizziano.

Vivaldi è il browser perfetto per navigare utilizzando profili diversi e per accedere ad Instagram tramite computer.

Mozzilla Firefox si dimostra ultra attento alla nostra privacy, permettendoci di visualizzare ogni elemento tracciante che ha bloccato e segnalandoci possibili violazioni di dati.

Se vuoi conoscere ulteriori dettagli su questo argomento, clicca qui e scopri di più.

Da gennaio gli esercizi commerciali devono emettere lo scontrino elettronico, ecco una serie di app utili per adempiere a tale obbligo

Da pochissimo è vigente l’obbligo per i titolari dei negozi di emettere lo scontrino elettronico.

Nello specifico, i soggetti interessati devono rispettare la prescrizione che impone il possesso di registratori di cassa telematici, in grado di predisporre il file richiesto e inviare i dati necessari all’ Agenzia delle Entrate. In alternativa, i commercianti possono anche dotarsi di app per smartphone o tablet, capaci di svolgere la medesima funzione.

Ecco di seguito un breve elenco di applicazioni nate per tale scopo:

  • FatturAE
  • Cassa fiscale con iPad
  • Cassa in cloud
  • Nexi Smartpos Cassa
  • QuiScontrino
  • Scloby
  • SiScontrino
  • Ticketapp Express

L’utilità di questo tipo di strumenti, risiede nella possibilità di integrare le informazioni registrate anche con altre applicazioni e sfruttarle per migliorare i processi aziendali.

Se vuoi conoscere ulteriori dettagli sulle app utili per lo scontrino elettronico, clicca qui e scopri di più.

Operazioni più precise e sicure, grazie ad un progetto che si avvale delle potenzialità della realtà aumentata

Il progetto europeo VOSTARS (Video and Optical See Through Augmented Reality surgical Systems) ha ricevuto un finanziamento da parte dell’Unione di circa 4 milioni di euro e permetterà ai chirurghi di operare sfruttando la realtà aumentata.

A dirigere i numerosi soggetti pubblici e privati, che fanno parte dell’iniziativa, è un italiano: il prof. Vincenzo Ferrari dell’Università di Pisa.

Si tratta di un’invenzione straordinaria, perché permette allo specialista che effettua l’operazione, di disporre di dati e notizie aggiuntive, semplicemente utilizzando un visore indossabile, senza smettere di osservare la zona su cui sta intervenendo.

Dello strumento esiste già un prototipo, il cui funzionamento verrà testato nei prossimi mesi.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sul progetto VOSTARS, clicca qui e scopri di più.

WeWalk è lo strumento innovativo che si appone al bastone da passeggio e che fornisce informazioni importanti ai non vedenti

Con WeWalk i non vedenti hanno oggi a disposizione un valido aiuto, per orientarsi e conoscere informazioni importanti.

Ideato da un ingegnere turco ipovedente di nome Kursat Ceylan, il dispositivo può essere posizionato sul bastone da passeggio ed è in grado di segnalare la presenza di ostacoli o di negozi e luoghi, che possono essere utili per chi lo utilizza.

Esso risulta inoltre compatibile con Google Maps e con gli assistenti vocali, e permette di accedere alle app che si hanno all’interno del proprio smartphone.

WeWalk può essere ricaricato tramite USB e ha un’autonomia di circa 5 ore.

Si tratta di un’invenzione molto importante, che può fortemente migliorare la vita di chi ha una disabilità visiva.

Se vuoi avere maggiori informazioni su questo argomento, clicca qui e scopri di più!

Conoscere come il proprio volto viene classificato dai sistemi dell’intelligenza artificiale rappresenta una curiosità di molti, per questo è stato realizzato un tool ad hoc.

Un tool molto particolare, che consente di sapere come la propria immagine viene interpretata dai sistemi dell’intelligenza artificiale, è ora accessibile sul sito di ImageNet Roulette.

A creare questo strumento innovativo, è stato il programmatore Leif Ryge .

Ciò che colpisce, consiste nel notare alcuni meccanismi privi di logica, che assegnano i volti delle persone ritratte nelle fotografie, a categorie che non presentano alcun collegamento con l’immagine.

Si vuole porre l’attenzione proprio su questo aspetto dello strumento, che può cadere facilmente in errore o basarsi su pregiudizi inesistenti.

Inoltre, il tool è in esposizione alla mostra Training Humans che si tiene alla Fondazione Prada di Milano.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sull’argomento, clicca qui e scopri di più.

La celebre app di Huawei, Storysign, che permette ai bambini sordi di leggere le favole, adesso è disponibile anche per iOS

Storysign è un’app che traduce le favole per i bambini non udenti nel linguaggio dei segni, grazie ad un avatar virtuale.

Creata da Huawei, da poco è disponibile anche per iOS, insieme a due nuovi libri. La finalità è quella di aiutare i piccoli utenti, colpiti da sordità, ad imparare a leggere, viste le difficoltà dovute alla disabilità uditiva.

Per la lingua dei segni italiana, sono cinque i titoli presenti nella libreria dell’applicativo:

  • Questo (non) è un leone di Ed Vere,
  • Tre Piccoli Coniglietti di Beatrix Potter,
  • Il Tuo amico Spotty di Eric Hill,
  • Che Sorpresa Spotty! Di Eric Hill
  • Buon Compleanno! Di Beatrix Potter.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sull’argomento, clicca qui e scopri di più.

Toccare la realtà virtuale? Adesso è possibile grazie ad uno studio eseguito da un gruppo di ricercatori coreani, che è stato inoltre pubblicato su Scientific Reports.

La ricerca ha previsto la realizzazione di uno strumento specifico, rivestito da un guanto, il quale si serve della pressione dell’aria interna generata da una forza elettrostatica.

La sensazione tattile viene perfettamente ricreata grazie all’utilizzo di sensori e attuatori e trasmessa con l’ausilio del bluetooth.

Per provare concretamente il meccanismo, è stato realizzato un test nel corso di una partita di scacchi virtuale.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sull’argomento, clicca qui e scopri di più.

Luminar 4 permette di ritoccare le foto, modificando il cielo raffigurato nelle immagini, grazie all’AI

Si chiama Luminar 4 ed è un applicativo in grado di sostituire il cielo ritratto in una foto, tramite l’intelligenza artificiale.

Il software, ideato dall’azienda Skylum, è in grado di produrre dei risultati davvero stupefacenti, intervenendo su tutte le altre impostazioni in base al tipo di cielo inserito.

Seppur con qualche limitazione, che si appresta ad essere risolta da nuove future versioni, il programma consente di far apparire una foto immortalata di giorno, come se fosse scattata di notte.

L’algoritmo è capace di comprendere e regolare diversi parametri, riuscendo ad ottenere modifiche che sarebbero possibili, solo grazie all’ausilio di un esperto di foto-ritocco.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sull’argomento, clicca qui e scopri di più.

Silver 2 è il nome del granchio robot, ideato dall’Istituto di biorobotica della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa, che ha la finalità di pulire i fondali del mare.

Il robot presenta diverse caratteristiche degne di nota: può raggiungere i 200 metri di profondità, è in grado di circolare all’interno dell’ambiente marino servendosi delle sue sei zampe, e risulta provvisto di due telecamere.

Inoltre, è in grado di fornire informazioni importanti come per esempio la rilevazione di microplastiche.

Si tratta di dati che trasmette via wireless agli studiosi, che provvedono poi a studiarli dettagliatamente in laboratorio.

Tale tipo di plastiche, sono sicuramente meno visibili, ma ugualmente inquinanti e Silver 2 permette di prelevarle e farle analizzare successivamente.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sul granchio robot, clicca qui e scopri di più.