Articoli

Si chiama Youpol ed è l‘app creata per consentire ad ogni cittadino di supportare e fornire un aiuto alle attività delle forze dell’ordine .

Attraverso tale piattaforma, infatti è possibile inviare segnalazioni in forma del tutto anonima,  in riferimento a  casi di bullismo o a spaccio di droghe, consentendo inoltre di allegare foto, link  e audio, che possono risultare utili a completare la denuncia appena trasmessa.

Non solo, tra le funzioni implementate è prevista anche quella delle chiamate di emergenza, mentre alle forze dell’ordine è data la possibilità di  individuare il luogo esatto da cui viene inviato il messaggio, per poter intervenire tempestivamente in caso di urgenza.

Per sapere maggiori dettagli su youpol clicca qui. 

I dispositivi che permettono di registrare e trascrivere i nostri pensieri sono ormai numerosi.

Tra questi è possibile citare Senstone, un wearable che può essere indossato al polso o al collo e che riporta le nostre note audio su un file di testo, che viene direttamente salvato sullo smartphone collegato grazie alla sincronizzazione cloud.

L’’iPad Pro 2018 utilizza app come GoodNotes o Notability che realizzano funzioni simili, grazie anche all’Apple Pen che rende possibile sottolineare e aggiungere annotazioni.

Non solo, non bisogna dimenticare Rocketbook Everlast che offre l’occasione di poter scrivere manualmente, su pagine che sono provviste di un codice QR che le rende archiviabili con il cloud.

Altre tecnologie interessanti sono rappresentate inoltre  da Moleskine Smart Writing Set MoodNotes.

Per conoscere ulteriori dettagli clicca qui e scopri di più.

Sono tante le iniziative digitali rivolte agli ipovedenti, che rappresentano oltre 285 milioni di persone nel mondo.

Tra i progetti esistenti è opportuno citare quello del social Instagram, che ha deciso di prevedere alcuni aggiornamenti che permetteranno di fornire una descrizione dei post a chi ha problemi di vista.

Per farlo, si sfrutterà l’input di testo dell’utente e si utilizzerà la tecnologia di riconoscimento degli oggetti.

Anche Facebook dispone di un’AI che elabora e descrive le immagini postate dagli utenti.

Non è da meno neppure Microsoft che  lo scorso anno ha lanciato Seeing AI, un’app sperimentale che tramite l’intelligenza artificiale è capace di rilevare persone, oggetti e testo inquadrati con la fotocamera di iPhone e descriverle.

Per conoscere ulteriori dettagli clicca qui e scopri di più.

La cybersecurity delle aziende è stata oggetto dell’annuale report dell’EY Global Information Security Survey , che ha evidenziato quali sono le tecnologie che le imprese adotteranno in tale ambito.

Dai dati raccolti risulta infatti, che tra le innovazioni su cui si tenderà ad investire maggiormente, ci sono l’intelligenza artificiale, l’automazione dei processi robotici e gli analytics.

Inoltre, il  60% delle aziende aumenterà il budget sulla sicurezza informatica del 10%, mentre nell’ultimo triennio ben il 45% delle società italiane ha acquistato beni e servizi per la cybersecurity.

Gli investimenti nazionali complessivi per la sicurezza informatica sono aumentati arrivando alla cifra di 1,5 miliardi, accompagnati, purtroppo, anche da una crescita degli incidenti virtuali, subiti dal 62,5% delle imprese del nostro Paese.

Per conoscere maggiori dettagli clicca qui e scopri di più.

Il gender gap risulterebbe in aumento, soprattutto nelle professioni in cui è applicata l’intelligenza artificiale: è quanto riportato dalla ricerca realizzata insieme a Linkedin, da parte del World economic forum.

Le donne infatti, rappresentano soltanto il 22% della forza lavoro presente in questo settore, e rivestono posizioni secondarie rispetto ai colleghi uomini, a cui invece sono affidati ruoli di responsabilità e direzione.

Se tale attuale situazione non subirà un’evoluzione, c’è il serio pericolo che l’aumento del gender gap non si arresti, poichè  si procede verso una diffusione dell’Ai all’interno di ambiti ulteriori, come ad esempio quelli del  manufacturing, del networking, dei software, dei servizi It, della sanità e dell’istruzione.

A tal riguardo, Klaus Schwab, fondatore e presidente esecutivo del World economic forum, ha dichiarato :” E’ essenziale adottare misure proattive a supporto della parità di genere e dell’inclusione sociale e superare le disparità esistenti in nome del benessere economico e sociale”.

Per approfondire l’argomento clicca qui e scopri di più.

Google Street View ampia le proprie funzioni: a breve infatti ci consentirà di conoscere il livello di qualità dell’aria, oltre che visualizzare le strade.

Per farlo, saranno apposti dei sensori adatti a rilevare il grado di inquinamento atmosferico sulle automobili utilizzate per scattare le foto, che entreranno in funzione negli Stati Uniti il prossimo autunno.

Non solo, tra i luoghi scelti per testare il nuovo servizio sono presenti anche altre località come Sidney e Città del Messico, facendo prospettare  la possibilità che in futuro tra le prossime mete venga inserito anche il continente europeo.

Le informazioni rilevate serviranno sia ai cittadini che agli amministratori delle città, dando un supporto importante nella battaglia contro l’inquinamento ambientale.

Per saperne di più clicca qui.

Endo-sight è una tecnologia destinata a rivoluzionare il modo di operare. Attraverso degli occhiali speciali è infatti possibile vedere gli organi interni dei pazienti, che sono sottoposti ad un intervento chirurgico.

Il campo di applicazione è quello della radiologia interventistica oncologica, che mira a sconfiggere i tumori del fegato con shock termico, utilizzando un ago-sonda introdotta nel corpo per via mininvasiva.

Le tecniche tradizionali hanno però un margine di fallimento elevato, in quanto i medici sono costretti ad intervenire sulla base dei risultati di tac ed ecografie, e non possono avere la sicurezza di aver distrutto del tutto le masse tumorali.

Endo-sight nasce proprio per risolvere queste problematiche e aumentare la precisione dello specialista.  Infatti, tramite l’ausilio di un nano sensore in fibra ottica, la flessione dell’ago-sonda viene monitorata, e viene così restituita l’immagine corretta.

Uno strumento di grandissimo valore, che oggi viene utilizzato non solo in Italia, ma anche in Francia, in Austria ed in Spagna.

Per conoscere ulteriori dettagli clicca qui e scopri di più.

BiovelocITA,  acceleratore italiano dedicato alle aziende biotech, ha investito 680 mila euro in Amypopharma, spin-off dell’Università di Milano-Bicocca.

L’obiettivo è quello di ricercare nuove cure per il trattamento delle amiloidosi, patologie caratterizzate dall’accumulo di materiale proteico fibrillare all’interno di numerosi organi, che possono causare la malattia dell’alzheimer.

Come ha dichiarato Marco Sardina, Chief Scientific Officer di BiovelocITA la  missione dell’acceleratore è :”quella di creare un ponte che riesca a collegare il mondo della ricerca con quello dell’industria, individuando scoperte promettenti e potenzialmente eccezionali e trasformandole in un concreto progetto industriale. Questo è lo scopo del nostro coinvolgimento in Amypopharma i cui studi, già a livelli molto avanzati, hanno fino ad ora evidenziato importanti potenzialità terapeutiche che andranno ulteriormente consolidate ed ampliate”.

Per saperne di più e conoscere ulteriori dettagli clicca qui.

 

Salute 4.0: curarsi nell’era digitale, generazioni a confronto”: è il titolo della ricerca che la BNP Paribas Cardif ha deciso di condurre, avvalendosi del centro di ricerca Eumetra MR.

Oggi, medici e specialisti possono contare sulla presenza di importanti tecnologie, che possono supportarli durante le fasi di diagnosi e trattamento delle patologie.

L’intelligenza artificiale, in particolare è in grado di fornire un aiuto fondamentale nella scoperta dei tumori, individuando in pochissimo tempo la presenza di noduli maligni.

Non solo, anche i robot sono in grado di semplificare il lavoro dei chirurghi, effettuando alcune operazioni con la massima precisione.

E’ inoltre interessante, conoscere i servizi tecnologici che secondo quanto rilevato dalla ricerca, gli italiani utilizzerebbero di più sotto forma di app:  la cartella clinica elettronica e la rete di medici specialisti a disposizione in caso di necessità., le applicazioni per monitorare il proprio stato di salute, gli sconti per le cure attraverso una rete di medici specialisti o dentisti convenzionati.

Se vuoi conoscere ulteriori dettagli sulla salute 4.0 clicca qui e scopri di più.

 

 

 

Gli investimenti per l’innovazione digitale da parte delle imprese italiane sono destinati a crescere: è quanto emerge dalla ricerca condotta dagli Osservatori Digital Transformation Academy e Startup Intelligence.

In base ai dati raccolti, per il 2019 si prevede un aumento del budget ICT del 2,6%. Inoltre, si punterà all’innovazione digitale anche in altri settori aziendali, come la direzione marketing e quella tecnica.

Le aree principali che nello specifico saranno oggetto degli investimenti, sono sei:

  • Digitalizzazione e Dematerializzazione di processi e documenti
  • Business Intelligence e Big Data
  • Consolidamento applicativo, sviluppo e rinnovamento di sistemi gestionali e ERP
  • Sviluppo e Rinnovamento dei sistemi CRM
  • Soluzioni di eCommerce e Mobile Commerce
  • Sistemi di Information Security, Compliance e Risk Management

Per conoscere ulteriori dettagli sugli investimenti per l’innovazione digitale e saperne di più clicca qui.