Articoli

Le legge di bilancio 2019 all’art. 19 comma 23, assegna 25 milioni per il 2019, 2020 e 2021 alle piccole e medie imprese.

Il fine previsto, è quello di finanziare le consulenze che riguardano i progetti tecnologici, gestionali, organizzativi e di finanza aziendale.

In particolare, le aziende interessate avranno la possibilità di firmare un contratto di consulenza con società o manager, dotati di determinati requisiti e iscritti in un apposito elenco.

A stabilire le modalità di iscrizione all’elenco e le caratteristiche che dovranno essere possedute, per poter essere inseriti al suo interno, sarà il MISE che dovrà adempiere a tale compito entro il mese di marzo.

Se vuoi conoscere maggiori informazioni sul voucher per l’innovation manager contenuto nella legge di Bilancio 2019 clicca qui e scopri di più.

Gli investimenti per l’innovazione digitale da parte delle imprese italiane sono destinati a crescere: è quanto emerge dalla ricerca condotta dagli Osservatori Digital Transformation Academy e Startup Intelligence.

In base ai dati raccolti, per il 2019 si prevede un aumento del budget ICT del 2,6%. Inoltre, si punterà all’innovazione digitale anche in altri settori aziendali, come la direzione marketing e quella tecnica.

Le aree principali che nello specifico saranno oggetto degli investimenti, sono sei:

  • Digitalizzazione e Dematerializzazione di processi e documenti
  • Business Intelligence e Big Data
  • Consolidamento applicativo, sviluppo e rinnovamento di sistemi gestionali e ERP
  • Sviluppo e Rinnovamento dei sistemi CRM
  • Soluzioni di eCommerce e Mobile Commerce
  • Sistemi di Information Security, Compliance e Risk Management

Per conoscere ulteriori dettagli sugli investimenti per l’innovazione digitale e saperne di più clicca qui.

Il Dipartimento energia della Regione Sicilia ha pubblicato il preavviso relativo alla misura 4.2.1 riguardante gli “Aiuti finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climaalteranti delle imprese e delle aree produttive“. Con essa, si vuole procedere a promuovere quelli che sono gli  interventi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti delle imprese, compresa l’installazione di impianti di produzioni di energia da fonte rinnovabile a soli fini di autoconsumo.

La prenotazione per la presentazione delle domande dovrà essere effettuata “nel Portale delle Agevolazioni” (http://portaleagevolazioni.regione.sicilia.it), a partire dalle ore 9:00 del settantacinquesimo giorno, decorrente dalla data di pubblicazione sulla GURS e fino alle ore 14:00 del novantesimo giorno, decorrente dalla medesima data.

La prenotazione darà luogo al rilascio di un ticket che consentirà di presentare la domanda e la documentazione prevista, a partire dalle 24 ore successive al rilascio del ticket stesso, ed entro le ulteriori successive 48 ore.

Per effettuare la prenotazione, occorrerà essere preliminarmente registrati ed accreditati al portale di cui sopra.

I documenti da allegare alla domanda di contributo, dovranno pervenire al Dipartimento regionale dell’Energia, su supporto informatico (CD o DVD), a mezzo raccomandata A/R o brevi manu, entro 5 giorni dalla data di invio della domanda a mezzo PEC.

Per conoscere maggiori dettagli clicca qui.

L’equity crowdfunding, è una forma di finanziamento che permette alle imprese di reperire capitali on line con l’aiuto di investitori privati, consentita recentemente dal nuovo regolamento della Consob.

L’origine di questo strumento è americana, ma solo nel nostro paese si è proceduto a riconoscerlo in via legislativa.

Sono infatti richiesti determinati requisiti e la possibilità di ricorrere a tale pratica deve essere consentita dallo statuto della società.

Come si avvia una campagna di equity crowdfunding?

Le aziende devono per prima cosa registrarsi  in un’apposita piattaforma, illustrare gli obiettivi che vogliono perseguire ed indicare l’importo necessario che deve essere raggiunto entro un determinato termine.

Nel caso in cui non si riesca ad arrivare alla cifra stabilita, le somme saranno restituite ai privati.

Per conoscere quali sono i vantaggi previsti per gli investitori clicca qui e scopri di più.