Articoli

BiovelocITA,  acceleratore italiano dedicato alle aziende biotech, ha investito 680 mila euro in Amypopharma, spin-off dell’Università di Milano-Bicocca.

L’obiettivo è quello di ricercare nuove cure per il trattamento delle amiloidosi, patologie caratterizzate dall’accumulo di materiale proteico fibrillare all’interno di numerosi organi, che possono causare la malattia dell’alzheimer.

Come ha dichiarato Marco Sardina, Chief Scientific Officer di BiovelocITA la  missione dell’acceleratore è :”quella di creare un ponte che riesca a collegare il mondo della ricerca con quello dell’industria, individuando scoperte promettenti e potenzialmente eccezionali e trasformandole in un concreto progetto industriale. Questo è lo scopo del nostro coinvolgimento in Amypopharma i cui studi, già a livelli molto avanzati, hanno fino ad ora evidenziato importanti potenzialità terapeutiche che andranno ulteriormente consolidate ed ampliate”.

Per saperne di più e conoscere ulteriori dettagli clicca qui.

 

My Personal Assistant è un’applicazione integrata, utile a migliorare la vita di anziani e malati cronici, ideata dalla Ieeng Solution.

Il progetto è stato approvato e finanziato dalla Regione Siciliana nell’ambito dell’iniziativa “Giovani protagonisti di sé e del territorio (CreAZIONI giovani)” bandita con il D.D.G. 1167 del 07/08/2014.

La piattaforma mette a disposizione dei pazienti una serie di funzioni, che servono a rendere il periodo di cura più semplice, permettendo loro di avere terapie personalizzate in base ai bisogni o ai problemi riscontrati durante il trattamento,

grazie ad un sistema di messaggistica istantanea con i medici curanti.

E’ prevista inoltre la possibilità di far compilare al paziente appositi questionari, da cui i dottori possono ricavare specifici feedback, attraverso i quali perfezionare le cure.

Infatti,  vengono proposte al degente delle schede di valutazione, diverse a seconda della patologia identificata dal medico, che possono essere integrate con note personali.

Il sistema è pensato anche per i familiari dei malati, che hanno l’opportunità di essere costantemente informati sulla situazione dei propri cari, interagendo con il personale medico tramite i messaggi diretti e potendo visionare lo stato di salute dei parenti.

Attraverso la funzione agenda, è poi possibile inserire dei promemoria che servono per organizzare le cure.

Il medico utilizzando tale applicazione, può visionare lo storico delle malattie e dei trattamenti a cui è stato sottoposto il paziente, come in una cartella clinica avanzata.

Non solo, avrà l’occasione di visualizzare i farmaci associati al degente e sapere quando sono stati assunti . My Personal Assistant si divide nello specifico in tre moduli, in quanto è formato da: un’app per smartphone Android e iOS (iPhone) utilizzabile dal paziente e dai famigliari o caregiver, una web application per il medico o l’equipe medica di riferimento ed una base di dati strutturata a cui fanno riferimento le app e la web application.

In particolare, la web application consente ai dottori, per mezzo di un’interfaccia multiutente, la gestione di diversi ospedali, senza l’ausilio di software preinstallati e di elevata compatibilità, grazie all’utilizzo del framework bootstrap.

Il database invece,  è stato realizzato con DBMS Microsoft SQL Server (MSSQL), per fornire la massima integrazione con la tecnologia di sviluppo dell’applicativo.

Possono ricorrere al sistema sia le piccole cliniche private che i grandi gruppi ospedalieri, in quanto il servizio non è invasivo e presenta bassi costi infrastrutturali.

E’ infatti sufficiente il pagamento di un canone da parte delle strutture mediche, mentre paziente e caregivers potranno scaricare gratuitamente l’applicazione tramite App Store e Google Play.

Per ulteriori dettagli vistita il sito web e scopri di più.

Sono in corso i lavori per nuova edizione dell’Osservatorio Startup Intelligence, la piattaforma open innovation per piccole, medie e grandi imprese. Il progetto, in collaborazione con PoliHub, si inserisce nell’ambito delle attività degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano. La formazione per la nuova edizione si concluderà entro luglio; il via ad ottobre.

Per maggiori informazioni, clicca qui.