Articoli

Il rilascio di Chrome 69 è avvenuto lo scorso 5 settembre e da allora un interrogativo assilla gli utilizzatori: l’accesso ad un servizio gestito da Google determina l’invio automatico dei dati memorizzati dal browser attivando Sync?

La risposta al quesito è stata fornita da Adrienne Porter Felt, ingegnere e manager di Google, che ha tranquillizzato gli utenti, affermando che la sincronizzazione deve essere attivata in maniera volontaria, effettuando un’azione ulteriore, dopo aver eseguito il log in.

Tuttavia, le critiche che sono state mosse a questa nuova versione del browser sono state numerose, dovute soprattutto alla mancanza di chiarezza e di informazioni relative al suo funzionamento.

A tal proposito,Matthew Green, docente alla Johns Hopkins University, ha accusato Google di aver modificato Sync rendendo il suo sistema molto più complicato e confuso, il che comporta il rischio che i fruitori diffondano i propri dati in modo del tutto inconsapevole.

Se vuoi conoscere i dettagli clicca qui e scopri di più.