dna_premio_italiana

Si chiama Michela Puddu e si è distinta nella categoria delle under 35

Il premio Ue Donne Innovatrici, rientrante nell’ambito di Horizon 2020 è stato vinto da un’italiana, che arrivando prima tra le under 35, ha ricevuto una somma di 50 mila euro.

Il suo nome è Michela Puddu ed è co-fondatrice e amministratore delegato di Haelixa, spin-off del Politecnico di Zurigo.

In particolare, ha ideato delle etichette basate sul DNA, che hanno la finalità di garantire procedure sicure ed etiche, nella produzione di materiale ecosostenibile e cotone bio.

La particolarità di questa invenzione, meritevole di aver vinto il premio, è quella di permettere di risalire alle origini di ogni prodotto, sia alimentare che tessile, e verificarne la genuinità, evitando il rischio di incorrere in frodi e materiali non rispondenti a quanto dichiarato.

Se vuoi approfondire l’argomento, clicca qui e scopri di più!