Ecco un excursus delle app per tradurre più efficaci in circolazione, secondo il Corriere della Sera.

Quali sono le migliori app per tradurre? Il Corriere della Sera ha realizzato un ricerca, provvedendo a testare le più celebri, attraverso la traduzione di un articolo del The Guardian.

Dal test è emerso che l’app giudicata migliore è la tedesca DeepL, perchè è in grado di fornire testi accurati e professionali.

Infatti, essa è capace di tradurre anche paragrafi lunghi ed elaborati, restituendo un risultato preciso e corretto.

Tra le altre app analizzate, quelle di Google e Microsoft presentano il vantaggio di rilevare direttamente la lingua da tradurre tramite la fotocamera dello smartphone o di ottenere la traduzione di una conversazione a voce.

In rete si trovano anche numerosi traduttori di proprietà di dizionari o case editrici, ma si è scoperto che essi operano servendosi dell’intelligenza artificiale di Google o Microsoft.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sull’argomento, clicca qui e scopri di più.

Mark Lambrecht, direttore di Global Health and LifeSciences Practice di SAS, spiega in un articolo come l’AI può essere utilizzata per contrastare la diffusione del coronavirus

Contrastare il coronavirus con l’AI può essere una soluzione efficace. A sostenerlo è Mark Lambrecht, direttore di Global Health and LifeSciences Practice di SAS.

Per farlo, occorre integrare l’intelligenza artificiale con specializzazioni epidemologiche e cliniche.

Uno dei modi per utilizzare le nuove tecnologie al servizio del sistema sanitario può essere quello di predisporre delle chatbot, per comprendere i sintomi dei possibili individui contagiati e esaminare così un numero consistente di persone, raggiungendo standard di qualità elevata.

Un ulteriore ambito in cui ci si può servire dell’AI per debellare la malattia, è quello che riguarda la creazione di farmaci e vaccini, in quanto così è possibile individuare dei legami che la mente umana potrebbe non rilevare.

Non solo, Ospedali ed Aeroporti possono applicare tecniche avanzate per svolgere analisi predittiva e capire così le stime dell’ emergenza, per prepararsi a gestirla al meglio.

Per raggiungere tutti questi obiettivi inoltre, è indispensabile una collaborazione tra esperti clinici, statistici e data scientist.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sull’argomento, clicca qui e scopri di più.

Oltre al celebre Chrome, esistono altri browser che possono essere utilizzati per varie esigenze

Chrome si caratterizza per essere il browser più diffuso tra gli utenti, com’è riportato da un report eseguito da parte di Net Marketshare, che spiega che a farne uso è il 67% degli individui. Firefox viene applicato invece solo dal 9% delle persone, mentre Safari dal 4%.

In alternativa, alcuni browser differenti che possono offrire diversi vantaggi sono Opera, Brave, Vivaldi e Mozzilla Firefox.

Opera in particolare, consente di ottenere una vpn gratuita e di navigare attraverso un IP diverso, per non far registrare i comportamenti tenuti sul web.

Brave ferma gli spot, gli script e ulteriori elementi che possono mettere in pericolo i i dati privati. Permette inoltre, di guadagnare criptovalute in base agli annunci che si visualizziano.

Vivaldi è il browser perfetto per navigare utilizzando profili diversi e per accedere ad Instagram tramite computer.

Mozzilla Firefox si dimostra ultra attento alla nostra privacy, permettendoci di visualizzare ogni elemento tracciante che ha bloccato e segnalandoci possibili violazioni di dati.

Se vuoi conoscere ulteriori dettagli su questo argomento, clicca qui e scopri di più.

Da gennaio gli esercizi commerciali devono emettere lo scontrino elettronico, ecco una serie di app utili per adempiere a tale obbligo

Da pochissimo è vigente l’obbligo per i titolari dei negozi di emettere lo scontrino elettronico.

Nello specifico, i soggetti interessati devono rispettare la prescrizione che impone il possesso di registratori di cassa telematici, in grado di predisporre il file richiesto e inviare i dati necessari all’ Agenzia delle Entrate. In alternativa, i commercianti possono anche dotarsi di app per smartphone o tablet, capaci di svolgere la medesima funzione.

Ecco di seguito un breve elenco di applicazioni nate per tale scopo:

  • FatturAE
  • Cassa fiscale con iPad
  • Cassa in cloud
  • Nexi Smartpos Cassa
  • QuiScontrino
  • Scloby
  • SiScontrino
  • Ticketapp Express

L’utilità di questo tipo di strumenti, risiede nella possibilità di integrare le informazioni registrate anche con altre applicazioni e sfruttarle per migliorare i processi aziendali.

Se vuoi conoscere ulteriori dettagli sulle app utili per lo scontrino elettronico, clicca qui e scopri di più.