WeWalk è lo strumento innovativo che si appone al bastone da passeggio e che fornisce informazioni importanti ai non vedenti

Con WeWalk i non vedenti hanno oggi a disposizione un valido aiuto, per orientarsi e conoscere informazioni importanti.

Ideato da un ingegnere turco ipovedente di nome Kursat Ceylan, il dispositivo può essere posizionato sul bastone da passeggio ed è in grado di segnalare la presenza di ostacoli o di negozi e luoghi, che possono essere utili per chi lo utilizza.

Esso risulta inoltre compatibile con Google Maps e con gli assistenti vocali, e permette di accedere alle app che si hanno all’interno del proprio smartphone.

WeWalk può essere ricaricato tramite USB e ha un’autonomia di circa 5 ore.

Si tratta di un’invenzione molto importante, che può fortemente migliorare la vita di chi ha una disabilità visiva.

Se vuoi avere maggiori informazioni su questo argomento, clicca qui e scopri di più!

Conoscere come il proprio volto viene classificato dai sistemi dell’intelligenza artificiale rappresenta una curiosità di molti, per questo è stato realizzato un tool ad hoc.

Un tool molto particolare, che consente di sapere come la propria immagine viene interpretata dai sistemi dell’intelligenza artificiale, è ora accessibile sul sito di ImageNet Roulette.

A creare questo strumento innovativo, è stato il programmatore Leif Ryge .

Ciò che colpisce, consiste nel notare alcuni meccanismi privi di logica, che assegnano i volti delle persone ritratte nelle fotografie, a categorie che non presentano alcun collegamento con l’immagine.

Si vuole porre l’attenzione proprio su questo aspetto dello strumento, che può cadere facilmente in errore o basarsi su pregiudizi inesistenti.

Inoltre, il tool è in esposizione alla mostra Training Humans che si tiene alla Fondazione Prada di Milano.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sull’argomento, clicca qui e scopri di più.

La celebre app di Huawei, Storysign, che permette ai bambini sordi di leggere le favole, adesso è disponibile anche per iOS

Storysign è un’app che traduce le favole per i bambini non udenti nel linguaggio dei segni, grazie ad un avatar virtuale.

Creata da Huawei, da poco è disponibile anche per iOS, insieme a due nuovi libri. La finalità è quella di aiutare i piccoli utenti, colpiti da sordità, ad imparare a leggere, viste le difficoltà dovute alla disabilità uditiva.

Per la lingua dei segni italiana, sono cinque i titoli presenti nella libreria dell’applicativo:

  • Questo (non) è un leone di Ed Vere,
  • Tre Piccoli Coniglietti di Beatrix Potter,
  • Il Tuo amico Spotty di Eric Hill,
  • Che Sorpresa Spotty! Di Eric Hill
  • Buon Compleanno! Di Beatrix Potter.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sull’argomento, clicca qui e scopri di più.

Toccare la realtà virtuale? Adesso è possibile grazie ad uno studio eseguito da un gruppo di ricercatori coreani, che è stato inoltre pubblicato su Scientific Reports.

La ricerca ha previsto la realizzazione di uno strumento specifico, rivestito da un guanto, il quale si serve della pressione dell’aria interna generata da una forza elettrostatica.

La sensazione tattile viene perfettamente ricreata grazie all’utilizzo di sensori e attuatori e trasmessa con l’ausilio del bluetooth.

Per provare concretamente il meccanismo, è stato realizzato un test nel corso di una partita di scacchi virtuale.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sull’argomento, clicca qui e scopri di più.

Luminar 4 permette di ritoccare le foto, modificando il cielo raffigurato nelle immagini, grazie all’AI

Si chiama Luminar 4 ed è un applicativo in grado di sostituire il cielo ritratto in una foto, tramite l’intelligenza artificiale.

Il software, ideato dall’azienda Skylum, è in grado di produrre dei risultati davvero stupefacenti, intervenendo su tutte le altre impostazioni in base al tipo di cielo inserito.

Seppur con qualche limitazione, che si appresta ad essere risolta da nuove future versioni, il programma consente di far apparire una foto immortalata di giorno, come se fosse scattata di notte.

L’algoritmo è capace di comprendere e regolare diversi parametri, riuscendo ad ottenere modifiche che sarebbero possibili, solo grazie all’ausilio di un esperto di foto-ritocco.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli sull’argomento, clicca qui e scopri di più.