L‘intelligenza artificiale potrebbe costituire la nuova frontiera per curare l’asma, una patologia che interessa circa 3 milioni di persone in Italia.

La novità arriva grazie ad un team di specialisti, formato da Nicola Scichilone, Fulvio Braido, Pierachille Santus Fabiano Di Marco, Paolo Solidoro e Angelo Guido Corsico, professore in malattie dell’apparato respiratorio dell’Università di Pavia , che si è concentrato su tale argomento.

Non solo, gli esperti si sono soffermati anche sulle potenzialità dell’intelligenza artificiale per diagnosticare malattie respiratorie che, di norma, sono più complesse da individuare.

In generale, l’obiettivo perseguito dallo studio è quello di fornire un valido supporto al medico di base, per aiutarlo a trovare la patologia corretta da cui risulta affetto il paziente.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli, clicca qui e scopri di più!

ES-PA- Energia e Sostenibilità per la Pubblica Amministrazione è il nome del progetto portato avanti da Enea, che contribuirà a trasformare la città toscana in una smartcity.

Si tratta di un’iniziativa importante, quella prevista dal progetto di Enea, che avrà come obiettivo finale quello di realizzare dei modelli che potranno essere applicati e adattati anche in altri comuni italiani.

In particolare, per il progetto si prevede l’uso di Big Data e strumenti IoT che permetteranno un notevole potenziamento e miglioramento dei servizi pubblici, come per esempio:

  • lampioni a led
  • semafori telecontrollati
  • sensori e telecamere

Un’aspetto importante è rappresentato dal fatto che non ci saranno costi per il comune livornese.

Infatti, le spese saranno coperte da Enea e da altre aziende, mentre quelle di gestione saranno compensate dai futuri risparmi energetici.

Nello specifico, il progetto consentirà di diminuire quest’ultimi di circa il 70% e un taglio della CO2 di oltre 1.400 tonnellate ogni anno. 

Se vuoi approfondire l’argomento, clicca qui e scopri di più!

Si chiama Michela Puddu e si è distinta nella categoria delle under 35

Il premio Ue Donne Innovatrici, rientrante nell’ambito di Horizon 2020 è stato vinto da un’italiana, che arrivando prima tra le under 35, ha ricevuto una somma di 50 mila euro.

Il suo nome è Michela Puddu ed è co-fondatrice e amministratore delegato di Haelixa, spin-off del Politecnico di Zurigo.

In particolare, ha ideato delle etichette basate sul DNA, che hanno la finalità di garantire procedure sicure ed etiche, nella produzione di materiale ecosostenibile e cotone bio.

La particolarità di questa invenzione, meritevole di aver vinto il premio, è quella di permettere di risalire alle origini di ogni prodotto, sia alimentare che tessile, e verificarne la genuinità, evitando il rischio di incorrere in frodi e materiali non rispondenti a quanto dichiarato.

Se vuoi approfondire l’argomento, clicca qui e scopri di più!

La realizzazione di un aeroporto privato per il colosso delle vendite Amazon sarà presto realtà

Amazon avrà a breve un suo aeroporto e in tal modo, potrà ridurre il ricorso ai corrieri internazionali, garantendo ai propri clienti consegne ancora più veloci e tempestive, avendo la possibilità di gestirle direttamente.

Una scelta rivoluzionaria, quella compiuta dall’azienda, che si colloca perfettamente in linea con quanto già realizzato e con gli impressionanti progressi ottenuti fino a questo momento.

Il luogo prescelto per far sorgere la struttura si trova a Cincinnati ed è grande circa 900 acri.

Quando sarà disponibile il nuovo servizio di trasporto di Amazon?

Come data si presume il 2021, e si prevedono già circa 2 mila posti di lavoro per gli addetti che opereranno all’interno dell’aeroporto, che fungerà anche da centro di smistamento.

Se vuoi conoscere maggiori dettagli e informazioni sull’argomento, clicca qui e scopri di più.

Amazon avrebbe incaricato una parte dei propri lavoratori di ascoltare e trascrivere i dialoghi fra gli utenti e Alexa, con l’obiettivo di migliorare le prestazioni dell’algoritmo e del dispositivo.

Si tratta di operatori dislocati in varie parti del mondo, che hanno il compito di annotare l’insorgenza di possibili problemi durante le conversazioni tra utilizzatore e assistente vocale.

L’unico scopo di Amazon sarebbe solo quello di garantire un servizio migliore e maggiormente preciso.

I clienti ascoltati sono selezionati in modo casuale e assolutamente anonimo, inoltre gli operatori non possono diffondere le informazioni recepite, perchè sono soggetti a forti restrizioni dettate dalla tutela della privacy e della riservatezza.

Se vuoi saperne di più e approfondire l’argomento clicca qui.