Coding Girls, la manifestazione promossa dalla Fondazione Mondo Digitale e dall’ Ambasciata USA in Italia, è giunta alla  quinta edizione e avrà luogo dal 6 al 20 novembre nelle scuole secondarie delle città di Torino, Milano, Trieste, Roma, Napoli, Salerno e Catania.

Quest’anno, prenderanno parte al progetto,  anche sette università, all’interno delle quali saranno organizzati degli hackathon.

L’obiettivo dell’iniziativa, che è realizzata anche grazie alla collaborazione della Microsoft, è quello di far comprendere alle giovani studentesse le opportunità e le prospettive occupazionali offerte dal settore scientifico e tecnologico.

Come ha dichiarato a StartupItalia! la presidente di Fondazione Mondo Digitale Mirta Michilli  :” Il punto di forza di Coding Girls è l’aver ideato delle catene di formazione, che si snodano su tutto il territorio e durante l’anno”.

Infatti, già da luglio le alunne delle superiori hanno la possibilità di partecipare ad una summer school di una settimana, che permette loro di  diventare coach di altre studentesse in occasione degli eventi organizzati successivamente, come i weekend intensivi di formazione che si svolgono in autunno.

Per approfondire l’argomento clicca qui e scopri di più.

 

Grazie all’autorizzazione dell’Autorità di sicurezza finanziaria di Malta e all’impegno della società Consulcesi Tech, è stato creato il primo fondo regolato delle criptovalute.

A differenza degli exchange, in cui i privati scambiano monete virtuali senza fornire e ricevere garanzie, tale fondo agisce in base alla normativa europea.

Come ha spiegato Andrea Tortorella ceo di Consulcesi Tech “Noi non investiamo per speculare sul momento, ma puntiamo sul garantire guadagni in un arco temporale più lungo, monitorando costantemente il mercato e la sicurezza”.

Per maggiori dettagli clicca qui e scopri di più.

La tecnologia gioca ormai un ruolo fondamentale nell’ambito dell’assistenza sanitaria: sempre più aziende sanitarie infatti, scelgono di abbandonare i metodi tradizionali e passare a soluzioni smart e i-tech.

La finalità è quella di offrire cure più efficienti e meno costose grazie all’innovazione, che permette di privilegiare  l’assistenza basata sui valori rispetto alla medicina preventiva.

Tra gli strumenti maggiormente utilizzati ci sono nello specifico la teleassistenza, i dispositivi wearable e le app mobile.

Per quanto riguarda le imprese che si stanno distinguendo in questo campo spiccano invece Alphabet, Amazon, Apple e Microsoft.

Per approfondire l’argomento e saperne di più clicca qui.

 

L’equity crowdfunding, è una forma di finanziamento che permette alle imprese di reperire capitali on line con l’aiuto di investitori privati, consentita recentemente dal nuovo regolamento della Consob.

L’origine di questo strumento è americana, ma solo nel nostro paese si è proceduto a riconoscerlo in via legislativa.

Sono infatti richiesti determinati requisiti e la possibilità di ricorrere a tale pratica deve essere consentita dallo statuto della società.

Come si avvia una campagna di equity crowdfunding?

Le aziende devono per prima cosa registrarsi  in un’apposita piattaforma, illustrare gli obiettivi che vogliono perseguire ed indicare l’importo necessario che deve essere raggiunto entro un determinato termine.

Nel caso in cui non si riesca ad arrivare alla cifra stabilita, le somme saranno restituite ai privati.

Per conoscere quali sono i vantaggi previsti per gli investitori clicca qui e scopri di più.

Chi non ha aderito a Office 365 potrà scegliere un’alternativa differente, rappresentata da Office 2019, pensato da Microsoft per gli utenti che non sono ancora pronti per il cloud.

Le applicazioni ricomprese nel pacchetto sono in particolare: Word, Excel, PowerPoint, Outlook, Project, Visio, Access e Publisher.

Fra le novità previste, sono state inserite le funzioni Morph e Zoom per PowerPoint, una nuova messa a fuoco per Word e Outlook e modalità di analisi più accurate ed avanzate per Excel.

Inoltre, i vertici di Microsoft hanno rassicurato i clienti, rendendo noto che questa non sarà l’ultima versione tradizionale del pacchetto messa a disposizione da parte dell’azienda.

Per conoscere maggiori dettagli clicca qui e scopri di più.

 

La Botnet Mirai, comparsa per la prima volta nel 2016, ha cambiato obiettivo e punta a colpire webcam, smartwatch, termostati e sensori digitali, in una sola parola : l’internet delle cose.

Essa agisce contaminando i software dei dispositivi con un malware capace di entrare nel network aziendale a cui sono connessi.

Quali sono i motivi di quest’azione?

La finalità perseguita è quella di intasare i siti web con numerose richieste, per renderli fuori uso, causando perdite di milioni di dollari a danno di numerose società.

Cosa possono fare le aziende per difendersi da questa nuova minaccia?

Innanzitutto applicare l’autenticazione a due fattori, procedere ad aggiornare costantemente i sistemi, provvedere a crittografare i dati sensibili posseduti ed impedire l’esportazione da parte degli operatori su device personali.

Per saperne di più Clicca qui.

Il rilascio di Chrome 69 è avvenuto lo scorso 5 settembre e da allora un interrogativo assilla gli utilizzatori: l’accesso ad un servizio gestito da Google determina l’invio automatico dei dati memorizzati dal browser attivando Sync?

La risposta al quesito è stata fornita da Adrienne Porter Felt, ingegnere e manager di Google, che ha tranquillizzato gli utenti, affermando che la sincronizzazione deve essere attivata in maniera volontaria, effettuando un’azione ulteriore, dopo aver eseguito il log in.

Tuttavia, le critiche che sono state mosse a questa nuova versione del browser sono state numerose, dovute soprattutto alla mancanza di chiarezza e di informazioni relative al suo funzionamento.

A tal proposito,Matthew Green, docente alla Johns Hopkins University, ha accusato Google di aver modificato Sync rendendo il suo sistema molto più complicato e confuso, il che comporta il rischio che i fruitori diffondano i propri dati in modo del tutto inconsapevole.

Se vuoi conoscere i dettagli clicca qui e scopri di più.

Together price è il servizio che permette di ridurre sensibilmente i costi degli abbonamenti come Netfix, Spotify e Office365, organizzando in modo semplice e pratico la divisione delle spese con amici, parenti o colleghi.

Il primo passo da seguire per accedere è quello di collegarsi al sito web, azione che può essere compiuta utilizzando Facebook, Google o la propria mail.

Successivamente, l’utente ha la possibilità di scegliere tra due opzioni: creare un nuovo gruppo di suddivisione dei costi, assumendo quindi la qualifica di admin o aderire ad uno già esistente in qualità di joiner.

Per usufruire del servizio bisogna essere dotati di un computer oppure di uno smartphone o un tablet.

Se vuoi conoscere i costi e saperne di più sui metodi di utilizzo clicca qui.

 

Era l’aprile del 2012 quando Kevin Systrom e Mike Krieger, fondatori di Instagram, social media famoso in tutto il Mondo, hanno deciso di vendere l’app a Mark Zuckerberg.

Dopo numerosi dissidi, dovuti alla mancanza di una visione comune con i dirigenti di Facebook, i due sono arrivati alla conclusione  di lasciare i ruoli  di amministratore delegato e director of engineering della piattaforma dedicata alla fotografia.

Systrom e Krieger non hanno accettato l’invadenza  da parte dei più stretti collaboratori di Zuckerberg, manifestando i propri dubbi soprattutto a proposito dell’indipendenza di Instagram, minacciata dalla sua continua subordinazione rispetto a Facebook, con l’intento di mettere in primo piano soprattutto quest’ultimo.

Per saperne di più clicca qui.

Matteo Melchiorre, Human Capital Officer di Fastweb, ha annunciato che l’azienda ha deciso di investire sulle competenze digitali, utilizzando in aggiunta ai metodi tradizionali, un web assessment che analizza i diversi profili delle risorse umane ricercate.

Non solo, intervistato durante l’evento HR  Tech promosso da growITup, piattaforma creata da Cariplo Factory, Melchiorre ha dichiarato che una cinquantina di  dipendenti sono stati scelti per formare il personale sulle nuove tecnologie.

Per saperne di più e vedere la videointervista clicca qui.